LA GIOIA DEL PRIMO RITIRO

Il Responsabile del Settore Giovanile delle Alte Calcio ha organizzato nei minimi particolari il ritiro precampionato per i Pulcini e gli Esordienti della nostra società. Era la prima volta che si proponeva questa iniziativa ai piccoli campioni giallorossi. Sabato 15 Settembre si é partiti presto dal campo sportivo di Via Tagliamento per raggiungere la località di Durlo (850mt slm) e il bellissimo Albergo e Ristorante La Betulla. Struttura ben organizzata e con un campo da calcio in erba naturale e un campo da calcetto in erba sintetica.

Per molti ragazzi era la prima volta che pernottavano fuori da casa senza genitori, ma i saluti prima della partenza sono stati veloci e senza lacrime: troppa era la voglia di passare due giorni con i propri compagni di squadra facendo quello che piace di più a loro, cioé giocare a calcio.  La comitiva era composta da 23 ragazzi e da 5 allenatori.

Il clima era quello di gran festa e la prima emozione per i più piccoli é stato il momento della suddivisione delle camere, fatta dai mister. Tutti erano ansiosi di sapere con chi avrebbero passato la notte. Una volta sistemate borse, attrezzature e bagagli si é passati alla definizione delle regole comportamentali e all’illustrazione del programma. Due giorni con due sedute dall’allenamento al giorno, mattina e pomeriggio, intervallati da merende e ovviamente pranzi e cene. Bellissimo vedere i ragazzi mangiare tutti assieme, vestiti con la divisa delle Alte Calcio. Clima da Serie A.

Ovviamente non sono mancati i momenti di relax, dove i bambini potevano giocare all’aria aperta e fresca o dove si potevano cimentare con le attività tipiche di un ritiro calcistico pre-campionato: gioco delle carte, calcetto e TV tutti assieme, magari per tifare l’ItalVolley o la propria squadra del cuore.

Unico momento “malinconia” é stato dopo la cena del Sabato sera dove alcuni bambini hanno avuto un po’ di nostalgia di casa. Ci sta, sono piccoli e stavano sperimentando per la prima volta un’esperienza lontani dai genitori. Ma per la serie “una telefonata allunga la vita”, dopo aver sentito i genitori al telefono, sono ripartiti con più carica di prima.

La notte é sempre il momento più emozionante per i piccoli che provano l’adrenalina di dormire assieme e magari di stare svegli a chiacchierare fino a tarda notte tra di loro. Inevitabile alla mattina vedere occhi gonfi di sonno e bocche aperte in sbadigli. Ma non ci si poteva fermare, quindi dopo il classico “muccio” sull’ultimo che non si alzava dal letto e un’ottima colazione i ragazzi erano pronti per la nuova seduta di allenamento

Alla domenica pomeriggio qualche genitore é salito fino a Durlo per scappare dall’arsura della pianura e per pranzare con ragazzi e misters. Dopo pranzo c’é stato un’oretta di relax e poi tutti pronti per l’ultimo allenamento.

Abbiamo visto un po’ di tristezza negli occhi dei ragazzi (meno in quella dei misters) al momento di preparare le valige, alla domenica sera, per tornare a casa. I ragazzi sono stati benissimo tra di loro e hanno consolidato e rafforzato la loro amicizia e il loro gruppo. Queste iniziative, per la nostra società, hanno proprio questo scopo, oltre a quello di facilitare l’inserimento dei nuovi arrivati. Provando questo tipo di esperienze nuove, abbiamo la speranza di far provare delle emozioni che i piccoli si terranno nel cuore finché non diventeranno grandi.

Esperienza da ripetere e magari allargare l’anno prossimo!

SEMPRE FORZA ALTE !!